Il Blog della Scuola Internazionale di Lingue

News, approfondimenti e curiosità
17 Nov 2016

10 consigli prima andare a lavorare in Germania!

Stai pensando di andare all’estero per cercare lavoro? Scuola Internazionale oggi ti propone dieci consigli prima di andare a lavorare in Germania.

  1. Prima di tutto dovresti mobilitarti per frequentare un corso intensivo di tedesco per allenare la tua conoscenza della lingua o migliorare il tuo accento.
  2. Successivamente potrai fare una ricerca delle Scuole sede dell’esame per ottenere il certificato di lingua tedesca, il TELC necessario per poter cercare lavoro in Germania.
  3. Di recente la Coldiretti ha fatto notare come gli iscritti agli istituti industriali siano crollati, diventati ormai meno della metà di quanti hanno scelto invece scuole legate all’enogastronomia. E’ vero che le opportunità di lavoro ci sono e che quindi può essere un buon percorso formativo: fino al 2018 il cuoco sarebbe una delle professioni più ricercate, almeno stando alla US Bureau of Labour Statistics, una delle principali agenzie d’oltreoceano che si occupano di statistiche ed economia del lavoro.
  4. Il settore della cucina rappresenta in questo senso, una sorta di porto franco: Chef e Cuochi sono continuamente richiesti sia in Italia, che all’estero e la tendenza sembra non accennare inversioni, come emerso dalle statistiche occupazionali realizzate finora (fonte: ANSA). Chi cerca lavoro come Cuoco o Chef ha molte più possibilità anche rispetto a chi possiede dei titoli di studio ritenuti comunemente “importanti”, ci riferiamo ad esempio a lauree, master o dottorati universitari canonici.
  5.  Per chi desidera lasciare il Bel Paese per concedersi un’esperienza di lavoro e una crescita personale all’estero le opportunità sono in continuo aumento e incredibilmente diversificate: dall’Executive in un ristorante allo Chef personale di Grandi (e ricchi) Personaggi. Ristoranti Italiani e internazionali offrono spesso appetibili opportunità ai professionisti italiani.
  6. Molti studenti che all’alberghiero praticano numerose ore di tirocinio in diverse cucine dimostrano una grane DISPONIBILITA’ A RESTARE ALL’ESTERO PER UN PERIODO DAI 3 AI SEI MESI.
  7. Chi decide di andare a lavorare all’estero deve essere consapevole e convinto della sua scelta.
  8. Gli ingaggi sono generalmente stagionali, pertanto richiedono ai professionisti una disponibilità di permanenza nella destinazione stabilita, per un periodo che varia dai tre ai sei mesi ma che può superare l’anno.
  9. Numerose sono le offerte di lavoro all’estero per chef e cuochi italiani a differenza delle opportunità presenti in Italia dove in generale il tasso di occupazione è molto basso. Molto alta è anche la domanda di infermieri che hanno l’opportunità di trovare occupazione a un elevato stipendio in Germania.
  10. In questo ambito i guadagni dipendono molto dalla struttura in cui si lavora (hotel o ristorante), dal livello della struttura stessa, ma anche dalla propria bravura e originalità. In Italia lo stipendio di uno Chef può andare dai 2000 ai 7000 €. All’estero, invece, dipende moltissimo dal paese, anche se è da tenere bene a mente che gli Chef italiani sono tra i più pagati e i più desiderati al mondo.Un cuoco Professionista diplomato in una buona scuola di cucina professionale con buona esperienza e capacità può guadagnare tra i 3-4.000 euro mensili (Cuoco di terzo livello). Ma il compenso può dipendere anche dal ristorante e dalle mansioni che il professionista riesce a svolgere con successo. Quindi lo stipendio può anche salire in modo marcato.

Contattaci per un corso intensivo di tedesco per allenare la tua conoscenza della lingua o migliorare il tuo accento. Siamo sede dell’esame per ottenere il certificato di lingua tedesca, il TELC per poter cercare lavoro in Germania. Scrivi a info@scuola-lingue-roma.it!

Lascia un commento

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Con la prosecuzione della navigazione oltre questa informativa acconsenti all’uso dei cookie. Consulta la nostra informativa estesa sui cookie.