Il Blog della Scuola Internazionale di Lingue

News, approfondimenti e curiosità
28 Nov 2016

Ecco i 4 errori che commettiamo più spesso in Inglese!

Imparare una nuova lingua non è mai semplice, soprattutto al primo approccio. I motivi possono essere diversi, molti riguardano le apparenti somiglianze (tra la lingua madre e quella che vogliamo imparare) nei costrutti e nelle parole.

Scuola Internazionale di Lingue ha individuato gli errori più comuni che commettono gli italiani. Ne abbiamo raccolti alcuni per te, anche per rispolverare un po’ di nozioni che tornano sempre utili!

 

1)Phrasal verbs

I phrasal verbs sono il corrispettivo delle espressioni polirematiche o verbi sintagmatici. Ovvero quando si aggiunge un elemento da accostare al verbo che necambia in parte o completamente il suo significato.

Prendiamo per esempio il verbo “look”, ovvero “guardare“. Con l’aggiunta di particelle diverse il suo significato può variare così:

Look for = cercare

Look after = accudire, badare a qualcuno

Look forward = non vedere l’ora di…

2) Ordine tra nome e aggettivo

In italiano, tendenzialmente, l’aggettivo segue subito il nome. Per esempio: “Andrea ha una macchina gialla” e non “Andrea ha una gialla macchina”. In inglese, però, avviene sempre il contrario. Non si dirà “Andrea has a car yellow.” La forma corretta è: “Andrea has a yellow car.”

3) Uso delle preposizioni

È una delle questioni più delicate della lingua inglese. Le preposizioni inglesi sono in, at e on. Si usano in maniera diversificata e per tempi e luoghi specifici.

On è usato per date specifiche o per strade e viali:

I was born on the 28th of July 1985

I saw her on the street

At per appuntamenti e orari o per luoghi e posizioni specifiche:

The meeting will be at 11 o’ clock

I met him at the school

In per mesi, anni e stagioni oppure per città e paesi:

My lesson will start in march

I saw her in Rome

4) Uso dell’articolo “the”

Visto che noi italiani siamo soliti usare dappertutto gli articoli, all’inizio è normale abbondare con l’articolo determinativo “the” anche quando non serve. Sembra quasi naturale tradurre “le persone amano l’arte” con “the people love art”. Ma non è necessario. Gli inglesi dicono semplicemente “people love art”.

A Gennaio/Febbraio 2017 sono in partenza i prossimi corsi a Scuola Internazionale di Lingue: se ti iscrivi entro il 20/12/2016 puoi usufruire del 10% di sconto sul prezzo di listino per i trimestrali. E per il semestrale abbiamo una conveniente offerta del 25%! Scrivi a info@scuola-lingue-roma.it per saperne di più.

Lascia un commento

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Con la prosecuzione della navigazione oltre questa informativa acconsenti all’uso dei cookie. Consulta la nostra informativa estesa sui cookie.