Il Blog della Scuola Internazionale di Lingue

News, approfondimenti e curiosità
parole impossibili da tradurre
7 Lug 2016

Parole impossibili da tradurre

 

Quante volte avete provato a tradurre una parola o un’espressione dall’italiano ad un’altra lingua senza riuscire a rendere a pieno il loro significato?

Parole e cultura si influenzano a vicenda, plasmando la visione che ognuno di noi ha del mondo.

Un esempio perfetto è dato dalla parola italiana scarpetta (intesa come il gesto di ripulire il piatto con il pane). Solo in Italia, infatti, esiste un termine per descrivere questa azione, nel resto del mondo si usano frasi generiche.

Ella Frances Sandres è un’illustratrice appassionata di lingue straniere. Nel 2013 ha pubblicato “Lost in Translation” , un libro illustrato che è diventato un vero e proprio successo editoriale. Nel libro vengono illustrate tutte le parole impossibili da tradurre nelle altre lingue. Eccone alcune:

Tedesco

Quanti di voi periodicamente vengono travolti dalla voglia di partire? In tedesco esiste un termine per descrivere questo stato d’animo: Wanderlust, letteralmente la sindrome di chi ha bisogno di viaggiare.

Svedese

In Svezia hanno una parola per indicare la terza tazzina di caffè: Tretar nasce dall’unione di tar, caffè, e tre. Mi raccomando: non utilizzate questa parole se andate in Brasile o Portogallo. In portoghese, infatti, tretar  vuol dire litigare!

Arabo

Nei paesi di lingua araba l’acqua è uno dei beni più preziosi. Lo dimostra l’esistenza della parola gurfa, termine che descrive la quantità d’acqua che è possibile contenere in una mano.

Spagnolo

Nella cultura spagnola il momento del pasto è molto importante, così come importante è anche il momento che segue il pranzo o la cena. In particolare, nei paesi ispanici è uso comune intrattenersi con i propri commensali dopo cena. Gli spagnoli chiamano questo momento di conversazione  sobremesa.

Giapponese

Il sentimento romantico e malinconico tipico del Giappone si riflette anche nella lingua madre. In giapponese, infatti, esiste una parola per descrivere la luce del sole che filtra dalle foglie degli alberi: Komorebi o negli idiogrammi giapponesi木漏れ日

 

Nei corsi di Scuola Internazionale di Lingue si impara anche questo!

Contattaci per sapere di più!

Lascia un commento

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Con la prosecuzione della navigazione oltre questa informativa acconsenti all’uso dei cookie. Consulta la nostra informativa estesa sui cookie.